Incredibile truffa nel mercato finanziario – scam da 40.000€, nessuna tutela da parte delle normative presenti

Le truffe e gli scam nel mercato finanziario sembrano non avere mai fine. L’ultimo caso è quello del ragazzo 34enne Paul Pettone, vittima di una frode che gli è costata 40.000€ con Xtrade.

Il giovane di Bari aveva deciso di investire il suo capitale in seguito alla perdita del suo lavoro part-time.

“Non sono un trader inesperto, ho seguito diversi corsi online per la compravendita di valute e azioni” – afferma nella sua testimonianza in rete in cerca di aiuto – “e mai mi sarei aspettato un raggiro simile.”

Il mercato finanziario online sembra, infatti, essere del tutto immune alla massa di regolamenti introdotti dalle autorità europee e statunitensi per limitare i comportamenti fraudolenti. Un impegno che sembra proprio non aver avuto risultati, con continue lamentele da parte dei trader.

“Ciò che mi infastidisce particolarmente” – enfatizza Paul – “è il fatto che in Italia non vi sia alcun tipo di tutela verso gli utenti. Capisco che sia una responsabilità di ciascuno cercare un sito affidabile ed affidarsi esclusivamente a professionisti, ma queste piattaforme per il trading online falsificano persino certificazioni ed autorizzazioni, spacciandole per normative europee o americane.” Fake trading, aggiotaggio, truffa, evasione fiscale, falsificazione dei bilanci sono alcuni dei casi che hanno interessato le cronache finanziarie degli ultimi anni, comprese le organizzazioni online. Si tratta di un problema molto sentito dagli utenti in rete, che chiedono a voce sempre maggiore la creazione di controlli (tuttora completamente assenti) a garanzia degli utenti della rete che potrebbero incappare in truffe simili.

“Mi sono reso conto dell’errore troppo tardi. Ora non mi resta altro che evitare che ciò che è successo a me accada ad altri. Spero che la mia esperienza diventi virale e faccia da esempio alle persone a rischio” si augura Paul, e ribadisce: “Sono pochi coloro che, attirati dalla prospettiva di guadagni facili e veloci, cadono nella trappola. E non necessariamente inesperti: io stesso ho frequentato diversi corsi, solo successivamente ho deciso di investire i miei averi, in preda alla disperazione dopo aver perso il lavoro. So di non essere l’unico in difficoltà, voglio che sia chiaro a chiunque sia nella mia situazione che i guadagni facili e veloci del trading online non esistono.”

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *